Intervista a Serena Brancale, ospite il 7 settembre al Festival delle Serre di Cerisano

Intervista a Serena Brancale

10

Ti abbiamo ascoltato al Roccella Jazz Festival, in agosto, e il 7 settembre sarai protagonista del Festival delle Serre di Cerisano (CS), insieme a Domenico Sanna e Dario Panza, con il tuo progetto “Vita da artista”, parlaci, dunque, com’è questa vita da artista?

 Serena Brancale: “La vita d’artista è speciale perché ha tanti lati belli ed imprevedibili. E’ una vita fatta di provini, di esperienze, di nuovi incontri, di nuovi palchi, di canzoni da scrivere in treno, da completare ovunque… Il musicista è sempre in giro e non si finisce mai di lavorare, ma è una vera passione, è difficile anche chiamarla lavoro. Il lavoro d’artista è un lavoro speciale, io curo il sonno, l’alimentazione ed il corpo perché un artista può lavorare sino a 90 anni, per questo è un lavoro unico. Siamo manager di noi stessi e dobbiamo tutelare il nostro corpo, quando saliamo sul palco dobbiamo essere sani, belli ed energeticamente forti.

 E a proposito di energia, Serena, dove raccogli la tua energia e la tua ispirazione in quella che è la tua formazione creativa nella musica?

 Serena Brancale: “Nasce dalla mia terra e prosegue con le persone buone. Io amo circondarmi di amici che mi diano tanti stimoli e persone belle. I miei amici sono parte delle mie canzoni e così anche la mia famiglia, la mia terra, il cibo buono, il sole… Per stare bene e vivere d’arte bisogna stare nei posti giusti con le persone giuste. Evitare l’energia negativa che può venire da una persona sbagliata e che non ti dà la giusta luce. Credo che tutto ciò di stimolante ci sia nella mia vita riguardi tutto ciò che è intorno a me”

2

Hai avuto e stai avendo le tue soddisfazioni artistiche, ma c’è ancora un desiderio da realizzare, un sogno ancora nel cassetto?

 Serena Brancale: “Mi piacerebbe con il prossimo disco continuare a fare quello che già faccio, ma sublimando, cercando concerti sempre più belli, con gente sempre più qualitativamente interessante… Più che ad andare al Festival di Sanremo, o ad andare all’estero a suonare, penso alla qualità delle cose che faccio.

6 

C’è qualche sodalizio artistico, un personaggio in particolare con cui ti piacerebbe lavorare?

Serena Brancale: “In Italia mi piacerebbe collaborare con i cantautori, i grandi nomi, quali Fabio Concato, per me è stato anche Pino Daniele, insomma coloro che sono stati anche punto di riferimento nella scrittura. Poi mi piacerebbe moltissimo collaborare con i musicisti americani come Robert Glasper , poter cantare con Erykah Badu, poter stare sul palco con lei, anche farle i cori, sono quelle persone che pensi: “Questa non è una cantante, è una grande artista”. Ecco mi piacerebbe arrivare a quei livelli.

 Intervista di Laura Papa (foto di Alessandro Greco)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...